Overblog Suivre ce blog
Administration Créer mon blog

Crevice Weeds

Writings—«waifs of many a wreck»—motley and fragmentary writings—sketchy and faulty—failed, perhaps—unconfined—along the borders, upon the thresholds and into the chinks of literature, «as foam that the sea-winds fret»…

Al Polo Australe in Velocipede

Alessandro Zabini
Al Polo Australe in Velocipede
Al Polo Australe in Velocipede

Il naufragio dell’Eira «È vero ciò che si dice, signor Linderman?» «A proposito di cosa, signor Wilkye?» «Che la spedizione polare organizzata dai vostri compatrioti è miseramente naufragata?» «È vero», rispose con voce secca colui che si chiamava Linderman. «Dunque il vostro illustre esploratore polare è stato vinto dai ghiacci anche questa volta?» «Cosa v’importa?» «By-God! … Ad un onorevole membro della Società Geografica degli Stati Uniti può interessare molto.» «Me lo dite con una certa ironia, signor Wilkye, da farmi supporre che voi siate contento che il mio compatriota Smith non sia riuscito.»...

I Pescatori di Balene

Alessandro Zabini
I Pescatori di Balene
I Pescatori di Balene

Il capodolio La notte del 24 agosto 1864, una nave correva bordate, a tutte vele sciolte, a centotrenta miglia a sud delle Aleutine, lunga catena di isole che si estende dinanzi il mare di Behring fra le coste dell’America e dell’Asia. Era un magnifico veliero di oltre quattrocentoventi tonnellate, attrezzato a barco, colla prua tagliata quasi ad angolo retto e munita di un solido sperone di acciaio, i fianchi piuttosto larghi e difesi da lamine di rame di notevole spessore. Alta era la sua alberatura, con uno sviluppo grandissimo di vele: libera quasi del tutto la sua coperta, ma untuosa e sdrucciolevole...

Il Continente Misterioso

Alessandro Zabini
Il Continente Misterioso
Il Continente Misterioso

Il Continente Misterioso fu pubblicato nel 1894 dall’editore Paravia, di Torino, con illustrazioni di Giovan Battista Carpanetto (sei disegni nel testo e cinque tavole in bianco e nero fuori testo), nonché parecchie illustrazioni della flora e della fauna australiane, opera di autore sconosciuto: dodici nel testo e quattro a piena pagina. Una delle numerose ristampe del romanzo è quella nella collana settimanale «Avventure di terra e di mare», che le Edizioni del Gabbiano, di Roma, dedicarono alle opere di Emilio Salgari nel 1966, con illustrazioni di copertina di Carlo Jacono. Rileggendo la prima...

La Scimitarra di Budda

Alessandro Zabini
La Scimitarra di Budda
La Scimitarra di Budda

La Festa della Colonia Danese La grande fiumana Si-Kiang, che per duecento leghe solca le province meridionali del gigantesco impero cinese, dividendosi presso la foce in numerosi canali e canaletti, forma un’infinità di isole, alcune delle quali lussureggianti di vegetazione, ricche di cittadine e di villaggi popolosi, ed altre affatto sterili, pantanose, deserte. Dopo la guerra anglo-cinese del 1840, meglio conosciuta sotto il nome di guerra dell’oppio, un certo numero di europei e non pochi americani, approfittando del permesso forzatamente accordato dall’impero cinese, avevano occupato taluna...

Duemila Leghe sotto l’America (Il Tesoro Misterioso)

Alessandro Zabini
Duemila Leghe sotto l’America (Il Tesoro Misterioso)
Duemila Leghe sotto l’America (Il Tesoro Misterioso)

Questo romanzo fu pubblicato in prima edizione, in due volumi in sedicesimo, con quattro disegni di Quinto Cenni nel testo, dall’editore Guigoni, di Milano, che nel 1901 lo ristampò in un unico volume . Nel 1905 fu di nuovo ristampato dall’editore Bietti, di Milano. Nel 1907 la Casa Editrice Roma, di Como, lo ripubblicò con il titolo Il Tesoro Misterioso, in una nuova edizione ampliata con l’aggiunta di tre nuovi capitoli (XVII, XVIII e XIX) e in appendice «La gloria d’Oceana», un lungo racconto di Carlo Merlini.

Tay-See

Alessandro Zabini
Tay-See
Tay-See

«In una tiepida giornata di febbraio del 1861, una gran barca a cinquanta remi carica di soldati cocincinesi, navigava verso l’alto corso del Dong-Giang, magnifico fiume della bassa Cocincina che scaricasi nel Tan-binch-giang o fiume di Saigon. Era una di quelle galee che gli indigeni chiamano balon, lunga oltre quaranta metri, scavata nel tronco di un gigantesco albero del tek, pesante, bassa al centro e stranamente rialzata a prua e a poppa, sulle cui estremità sventolavano le gialle bandiere nazionali e agitavansi enormi ciuffi di penne e grandi foglie d’arecche. Nel centro ergevasi una chirola,...

Contemplazione

Arturo Graf

Quand’io contemplo da quest’erma altura, Ove sospira tra’ ginepri il vento, Sfavillar senza fin lo smarrimento Degli astri accesi nella notte oscura; Vinto da uno stupor, da uno sgomento Di cieca, ignota, universal sciagura, Che sempre fu, che interminabil dura, Il cor nel petto avviluppar mi sento. E penso le infinite anime erranti Nell’abisso dei cieli e senz’aita Cacciate, offese, piangenti, preganti: E imploro la pietà d’una infinita Forza che il tronco maledetto schianti E la radice onde fiorì la vita. (Arturo Graf, «Le Danaidi», 1905)

<< < 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 > >>