Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
Crevice Weeds Writings—«waifs of many a wreck»—motley and fragmentary writings—sketchy and faulty—failed, perhaps—unconfined—along the borders, upon the thresholds and into the chinks of literature, «as foam that the sea-winds fret»…

La Scimitarra di Budda

Alessandro Zabini

 

 

 

 

ScimitarraDiBudda01.jpg

 

 

 

 

 

 

La Festa della Colonia Danese

La grande fiumana Si-Kiang, che per duecento leghe solca le province meridionali del gigantesco impero cinese, dividendosi presso la foce in numerosi canali e canaletti, forma un’infinità di isole, alcune delle quali lussureggianti di vegetazione, ricche di cittadine e di villaggi popolosi, ed altre affatto sterili, pantanose, deserte.

Dopo la guerra anglo-cinese del 1840, meglio conosciuta sotto il nome di guerra dell’oppio, un certo numero di europei e non pochi americani, approfittando del permesso forzatamente accordato dall’impero cinese, avevano occupato taluna di quelle isole, costruendovi importanti fattorie. Costretti a fuggire allo scoppiare della guerra del 1857, vi erano ritornati appena firmata la pace e avevano ricostruiti gli stabilimenti già arsi dai cinesi e riannodate le relazioni commerciali con Canton, con Wampoa, con Fatsciam, con Samschui, Schuk-Wan, Isin-Nam e altre città e villaggi dai quali traevano incalcolabili ricchezze. Nel 1858, epoca in cui comincia la nostra storia, le colonie avevano raggiunto un alto grado di splendore.

La sera del 17 maggio dello stesso anno, la colonia danese, in occasione dell’arrivo d’una nave da guerra, dava negli ampi giardini della fattoria una brillantissima festa, alla quale eran stati invitati europei, americani e cinesi.

(Emilio Salgari, La Scimitarra di Budda, 1892)

 

 

 

 

 

 

Pour être informé des derniers articles, inscrivez vous :

Commentaires